In occasione di San Lorenzo a Storo si organizza una serata di festa fra le vie del centro Storico. L’assessore alla cultura ci chiede se possiamo partecipare come Associazione e creare un punto di ristoro diverso. La proposta è invitante, ci sono tanti angoli del paese che potrebbero fare al caso nostro. Otteniamo di usare, per gentile concessione dei proprietari, il Vaù della Viola, un antico androne-cortile tipico della nostra architettura, per allestire con pochi tocchi,  una taverna in stile medievale. La serata è splendida e la gente si riversa numerosa per le strade. Tanti visitatori, incuriositi dai suoni dei tamburi e delle cornamuse e dalle luci delle fiaccole entrano  e si ritrovano catapultati in un’altra epoca. Serviamo, in costume,  taglieri di salumi e formaggio, birra, vino,  ippocrasso e cafè da Bondù. Per gli ospiti c’è la possibilità di assistere  alle danze delle nostre ballerine, che non si  fermano un attimo per tutta la serata  e di ottenere buoni auspici di fortuna dalla nostra maga .

Menu