LA RIEVOCAZIONE STORICA DEL PASSAGGIO DEI LANZICHENECCHI NELLA VALLE DEL CHIESE

Nell’autunno del1526 un esercito di 14.000 lanzichenecchi comandati da Georg Frundsberg scende nuovamente in Italia.
A Trento si uniscono al Frundsberg anche due conti Lodron, Antonio e Ludovico, che gli suggeriscono di seguire la via delle Giudicarie. Durante tre giorni di sosta in valle del Chiese, il Frundsberg fa preparare le macchine d’assedio come se volesse attaccare la rocca d’Anfo ma il 16 novembre fa riprendere la marcia per i sentieri delle montagne a est del lago d’Idro che aveva osservato dal castello di Bondone, dove è stato ospite dei cognati Lodron.

 

I LANZI LODRON

La rievocazione storica dei Lanzi Lodron è composta da un’insieme di differenti scene che riportano lo spettatore a rivivere realmente e sopratutto fedelmente l’atmosfera presente in un accampamento lanzichenecco del 1500.
ogni particolare è stato ricercato seguendo un filologico dell’epoca dai carri, le masserizie, i contenitori e ancor più complessa l’analisi e la ricerca sui costumi dei vari guerrieri, delle donne e dei nobili.
La realizzazione di armi, costumi e accessori è stata affidata, dopo attenta selezione, ad artigiani e sarti locali dove possibile.

I Lanzi Lodron propongono un accampamento completo di cucine, tende, un grande velario, tavoli e riproduzioni di arredi da campo dell’epoca.

Il visitatore camminando tra i carri e le tende può capire come si viveva  la vita da campo in un accampamento lanzi dell’epoca con bambini che giocano, donne intente  ai lavori di cucina soldati che sistemano le armature e che giocano ai dadi.

Durante questi momenti, come viene riproposto, spesso per soldi scoppiavano risse che sfociavano in veri e propri combattimenti a spade.
le donne allietano i momenti tranquilli proponendo danze  popolane accompagnate dai tamburi e dai musici. L’arrivo del conte Ludovico, l’arruolamento dei soldati, la rievocazione di battaglie, l’assedio ai castelli, le torce i fuochi e altre scene coinvolgono il pubblico in atmosfere uniche.

Menu